Scena di vita quotidiana – alla stazione

treno

Ciao a tutti!

Immaginate di essere in Italia, in una stazione. Dovete prendere il treno per andare in un’altra città, perciò è necessario chiedere informazioni e comprare il biglietto. Riuscite a creare un piccolo dialogo con queste indicazioni? Eccone un esempio!

 

Alla stazione

Anna – Buongiorno.
Bigliettaio – Buongiorno, mi dica.
Anna – Vorrei prenotare un biglietto per Ventimiglia.
Bigliettaio – Quando vuole partire?
Anna – Vorrei partire domani mattina alle 6.
Bigliettaio – Biglietto di andata e ritorno?
Anna – Sì.
Bigliettaio – Vuole viaggiare in prima o in seconda classe?
Anna – In seconda.
Bigliettaio – Sono 76 €. Ha preferenze per il posto a sedere?
Anna – Sì, mi piacerebbe vicino al finestrino.
Bigliettaio – Ecco, questi sono i biglietti. Come può vedere sono indicati la data, l’orario di partenza, il numero del treno, della carrozza e del posto a sedere.
Anna – Grazie mille. Da quale binario parte il treno?
Bigliettaio – Dal primo binario, ma guardi nel tabellone delle partenze per esserne sicura. Ah, non si dimentichi di obliterare il biglietto prima di salire sul treno.
Anna – Non mi dimenticherò!
Bigliettaio – Buon viaggio!
Anna – Grazie!

ventimiglia-aiga

(Ventimiglia – Liguria)

Ora provate a rispondere alle seguenti domande:

1 – Dove deve andare Anna?

2 – A che ora vuole partire?

3 – Lei ha bisogno di un biglietto di solo andata?

4 – Dove le piacerebbe sedersi sul treno?

5 – Quali informazioni vengono indicate nel biglietto?

6 – Da quale binario parte il treno per Ventimiglia?

7 – Di che cosa non si deve dimenticare Anna prima di salire sul treno?

Arrivederci e buon viaggio!

Claudia V. Lopes

Se il post vi è piaciuto, fatecelo sapere nei commenti e con il “mi piace”. 

Achille Campanile – L’arte di fare le valigie

baggage_1.jpg

L’arte di fare le valigie

Quella di fare le valigie è una cosa meno semplice di quanto si creda. L’idea sarebbe di mettere tutto a portata di mano; cioè, tutto negli strati superiori, lasciando vuoto, per conseguenza, il fondo della valigia.

Filippo era uno di quelli che si vantavano di saper fare le valigie. Ed era vero. Egli, per esempio, metteva sempre nella valigia due spazzolini da denti.

“Non si sa mai,” diceva “ci potrebb’essere uno scontro ferroviario; si rompe uno spazzolino, resta l’altro.”

Che sciocchezza! In uno scontro ferroviario, se si rompe uno spazzolino, è molto probabile che si rompa anche l’altro. Capiremmo se nella valigia si mettesse addirittura una dozzina di spazzolini per i denti. Allora, per quanto grave possa essere lo scontro ferroviario, c’è sempre la speranza di salvarne almeno uno. Ma anche questa è una sciocchezza: se lo scontro ferroviario non avviene? Che se ne fa uno di dodici spazzolini da denti?

“Conobbi per l’appunto un tale” disse Filippo mentre riempiva la valigia “che non viaggiava mai con meno di trenta spazzolini per i denti, in previsione di scontri ferroviari. Ebbene, una volta lo scontro avvenne e la precauzione apparve assolutamente inutile.”

“Non si salvò nemmeno uno degli spazzolini del vostro amico?” chiese Battista impressionato.

“No,” disse Filippo “non si salvò nemmeno uno dei suoi denti. Mentre per colmo di sciagura, gli spazzolini si salvarono tutti.”.

(Achille Campanile, Se la luna porta fortuna. Rizzoli, Milano.)

achille_campanile[1]

Achille Campanile, (Roma, 28 settembre 1988 – Lariano, 4 gennaio 1977), è stato uno scrittore, drammaturgo, sceneggiatore e giornalista italiano, celebre per il suo umorismo surreale e i giochi di parole.
(Fonte: Wikipedia)

Glossario

1) a portata di mano = às mãos

2) che si vantano = que se gabam

3) due spazzolini da denti = duas escovas de dente

4) ci potrebb’essere = poderia haver/ocorrer

5) che sciocchezza! = que bobagem!

6) scontro ferroviario = acidente ferroviário

7) una dozzina = uma dúzia

8) ebbene = ora, pois bem

9) per colmo di sciagura = por um azar do destino

Rispondete

1) Il testo di Campanile può essere considerato comico o tragico? Perché?

2) Quali sono le cose essenziali da mettere nella valigia?

3) Qual è, secondo te, il mezzo di trasporto più sicuro per spostarsi?

4) Sei mai stato(a) all’estero? Dove?

5) Quale paese ti piacerebbe conoscere? Perché?