Il congiuntivo presente

Ciao a tutti!

Come vi ho promesso nel post precedente, studieremo ogni singolo tempo del modo congiuntivo, cosicché possiate capire come e quando lo si usa. Oggi approfondiremo il congiuntivo presente e, quindi, è molto importante che conosciate bene le desinenze che compongono i verbi regolari:

ARRIVARE PRENDERE SENTIRE
che io arrivi

che tu arrivi

che lui/lei arrivi

che noi arriviamo

che voi arriviate

 che loro arrivino

che io prenda

che tu prenda

che lui/lei prenda

che noi prendiamo

che voi prendiate

che loro prendano

che io senta

che tu senta

che lui/lei senta

che noi sentiamo

che voi sentiate

che loro sentano

Sicuramente vi ricordate che per la coniugazione del presente indicativo ci sono alcuni verbi della terza coniugazione (-ire) detti incoativi, che presentano l’inserimento dell’interfisso –isc– tra la radice e la desinenza (io finisco, io guarisco, ecc.). Quindi nel congiuntivo presente lo stesso interfisso si ripresenta: FINIRE – che io finisca, che tu finisca, che lui/lei finisca, che noi finiamo, che voi finiate, che loro finiscano.

E come si forma il congiuntivo presente dei verbi irregolari?

Per fortuna, quasi tutti verbi irregolari si formano a partire dalla prima persone del verbo al presente indicativo:

a) io vengoche io venga, che tu venga, che lui/lei venga, che noi veniamo, che voi veniate che loro vengano

b) io muoio che io muoia, che tu muoia, che lui/lei muoia, che noi moriamo, che voi moriate, che loro muoiano

c) io faccioche io faccia, che tu faccia, che lui/lei faccia, che noi facciamo, che voi facciate, che loro facciano

d) io dicoche io dica, che tu dica, che lui/lei dica, che noi diciamo, che voi diciate, che loro dicano

Per quanto riguarda la coniugazione degli altri verbi, consultate un buon libro di verbi, un dizionario oppure fatevi aiutare da qualche coniugatore di verbi online.

ATTENZIONE! per quanto riguarda il verbo DOVERE, vi dovete basare sul presente dell’indicativo della forma meno usata (io debboche tu debba, che tu debba, che noi dobbiamo, che voi dobbiate, che loro debbano). Anche in questo caso, per fortuna, ci sono pochissimi verbi che presentano coniugazioni diverse, come il verbo ESSERE (che io sia, che tu sia, che lui sia, che noi siamo, che voi siate, che loro siano), AVERE (che io abbia, che tu abbia, che lui/lei abbia, ecc.). Per i verbi che finiscono in -care, – ciare, – cere, -gare, -giare, -gere il meccanismo di formazioni è lo stesso del presente indicativo: che io cerchi; che io schiacci; che io cominci, che io vinca, che io paghi.

Il congiuntivo nelle frasi subordinate

In congiuntivo presente viene in genere adoperato in frasi subordinate, introdotte da verbi di opinione come credere, pensare, ritenere, reputare oppure da verbi desiderativi (che esprimono un desiderio) come volere, sperare, augurare: 

a) Credo che ormai Carlo arrivi in ritardo.
b) Pensi che io sia pazza?
c) Speriamo che Maria riesca a superare l’esame.
d) Suppongo che lei finisca di lavorare verso le cinque.
e) Vogliamo che voi veniate al nostro matrimonio.

Inoltre, il congiuntivo presente viene introdotto da locuzioni congiuntive/congiunzioni come senza che, prima che, nonostante, malgrado, a meno che, a condizione che, affinché, ecc.:

a) Purtroppo Anna parte oggi sera senza che io possa salutarla.
b) Ho paura dell’esame di domani malgrado sappia bene l’argomento.
c) Ti chiedo gentilmente di fare i compiti di tedesco adesso, a meno che tu non sia già troppo stanca.
d) In quell’albergo si accettano animali, a condizioni che siano in buona salute.
e) Ti dico queste cose affinché tu ti accorga che stai sbagliando.

Il congiuntivo nelle frasi principali

Una particolarità del congiuntivo presente è che lo si può usare anche nelle frasi principali, cioè non subordinate, per indicare:

a) un desiderio o un augurio: che possiate essere felici, ragazzi!;

b) un dubbio o una supposizione: non l’ho ancora vista. Che abbia perso l’orario? 

c)  un’esortazione, un invitoche entri il prossimo!; figlio mio, sia ottimista, andrà tutto bene.

d) una concessione: mi abbia pure detto una bugia, ma è sempre una cara amica.

Certamente il testo non è esaustivo, ci sono altre sfumature del modo congiuntivo che ho deciso di non trattare in questo post per non confondervi. Adesso facciamo un po’ di esercizi? Per le soluzioni cliccate qui Esercizio – congiuntivo presente

Esercizio: Completate con i verbi al congiuntivo presente.

1. Credo che Anna (nuotare) __________ molto bene.
2. Non sono sicuro che il treno (arrivare) __________ sul binario 3.
3. Penso che Fernanda (uscire) __________ con Marcello.
4. Temo che questo non (essere) __________ il modo corretto di affrontare questo problema.
5. È probabile che loro non (venire) __________ alla festa di compleanno di Rocco.
6. Sandra aspetta che suo padre (telefonare) le __________.
7. Spero che tu _____________ (sapere) quello che stai facendo.
9. Che mi _______________ (lasciare-tu) in pace!
10. Suppongo che lui ____________ (andare) all’università.
11. Che _____________ (entrare) il prossimo candidato.
12. Malgrado ____________ (essere) preparato, non riesce a trovare un buon lavoro.
13. Penso che tu ____________ (dovere) fare i compiti di italiano.
14. Che _____________ (essere – tu) felice!

Arrivederci e buono studio!

Claudia Valeria Lopes

Se il post vi è piaciuto fatecelo sapere nei commenti!

 

2 pensieri su “Il congiuntivo presente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.