La storia del cappuccino

Ciao, amici!

Il cappuccino è una bevanda di origine italiana conosciuta in tutto il mondo, preparata con caffè espresso e latte montato a schiuma, ma pochi sanno quale sia la sua origine.

Secondo la storia, il nome faceva allusione alla somiglianza con l’abito marrone dei cappuccini. A quanto sembra l’idea del cappuccino nacque da una preparazione viennese chiamata “Kapuziner”, fatta a base di caffè, panna montata e spezie, attestata già dalla fine del XVIII secolo, diffusasi, in seguito, nei territori di Trieste e nei possedimenti italiani austroungarici. Comunque, la diffusione del cappuccino italiano risale agli anni trenta del novecento.

Le macchine espresso necessarie per ottenere il caratteristico effetto del cappuccino si diffusero soltanto a partire dai primi anni del XX secolo, con il primo brevetto rilasciato a Luigi Bezzera nel 1901.
Quando si beve e come si prepara il cappuccino?

In Italia la gente suole consumare il cappuccino nel corso della mattina e a colazione (quasi mai durante i pasti). Di solito, viene bevuto zuccherato, accompagnato da cornetti, detti anche croissant, o qualche altro prodotto da forno o pasticceria. La sua preparazione prevede circa 125 ml di latte e 25 ml di caffè, la schiuma – cioè, la crema – deve avere un bell’aspetto e in quantità considerevole. A seconda dei gusti, si può completare la sua preparazione aggiungendo una bella spolverata di cacao o di cannella in polvere.

Nel mondo esistono molte varianti di questa bevanda tipica italiana, le principali sono: cappuccino scuro e cappuccino chiaro. Quale preferite?

Arrivederci e buono studio!

Claudia Valeria Lopes

Se il post vi è piaciuto, fatecelo sapere nei commenti!

 

 

 

 

4 pensieri su “La storia del cappuccino

  1. A me piace molto una variante estiva.
    Serve un bicchiere di vetro possibilmente alto, nel quale mettere nell’ordine: caffe doppio, ghiaccio e latte freddo.
    Non mi spiego perchè quasi tutti i baristi siano molto riluttanti a prepararmelo.
    L’articolo molto carino e anche un po ghiotto!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.